Percorsi abilitanti art. 13, chi può accedere ai 30 CFU con 180 ore di lezione in modalità telematica

Il DPCM 4 agosto 2023 individua varie tipologie di percorsi da 30 CFU:

30 CFU/CFA (All. 2 DPCM) Riservato a chi ha svolto il servizio di insegnamento per almeno 3 anni negli ultimi 5, di cui almeno 1 nella specifica classe di concorso, e a coloro che hanno sostenuto la prova concorsuale relativa alla procedura straordinaria di cui all’art.59, c.9-bis;

30 CFU/CFA (All. 3 DPCM) Riservato a chi ha titolo di accesso ad una classe di concorso della scuola secondaria e che vuole partecipare al prossimo concorso

30 CFU art. 13 comma 2 personalizzato, destinato a chi è già abilitato su altra classe di concorso/grado di scuola/ o specializzato su sostegno.

La docente rientra nell’art. 13 comma 1, in quanto già in possesso di abilitazione per una classe di concorso e di titolo di studio idoneo per altra abilitazione. Pertanto non è necessario l’anno di servizio specifico.

Art. 13 comma 2 afferma infatti “1. Coloro che sono gia’ in possesso di abilitazione su una classe di concorso o su un altro grado di istruzione nonche’ coloro che sono in possesso della specializzazione sul sostegno possono conseguire, fermo restando il possesso del titolo di studio necessario con riferimento alla classe di concorso, l’abilitazione in altre classi di concorso o in altri gradi di istruzione, attraverso l’acquisizione di trenta CFU o CFA del percorso di formazione iniziale nell’ambito delle metodologie e tecnologie didattiche applicate alla disciplina di riferimento. ”

Come controllare il titolo di studio idoneo?

Questo è un tasto dolente, che sì può portare a rendere nullo il percorso. Il docente deve accertarsi che il titolo, anche se conseguito tanti anni fa, soddisfi i requisiti richiesti dal Ministero per l’accesso alle classi di concorso. Ci sono requisiti diversi in relazione al periodo di conseguimento del titolo.

Ecco lo schema

  • Lauree conseguite prima del 23 febbraio 2016: vale il DM 39/1998 e  DM 22/2005 il Ministero specifica infatti  “In base all’art.5 del DM 259/2017 sono fatti salvi, ai fini dell’accesso alle classi di concorso, i requisiti previsti dalla precedente normativa (DD.MM. n. 39 del 30 gennaio 1998, n. 22 del 9 febbraio 2005) se conseguiti entro la data del 23 febbraio 2016 per il DPR19/2016 e del 9 maggio 2017 per il DM 259/2017.
  • Lauree conseguite dal 23 febbraio 2016 alla data di presentazione della domanda GPS per il biennio 2024/26: valgono il  DPR 19/2016 e il dm 259/2017 con le seguenti indicazioni

Per le classi di concorso A026 e A028: dal 17 gennaio 2024 vale il DM 20 novembre 2023, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 16 gennaio 2024

Per le classi di concorso 

  • A-01 e A-17
  • A-12 e A-22
  • A-24 e A-25
  • A-29 e A-30
  • A-48 e A-49
  • A070 e A072
  • A-7 e A-3 diventa A-71

per i titoli conseguiti dall’11 febbraio 2024 (o per chi ha un titolo conseguito prima di questa data ma non ha i CFU completi per l’accesso alla classe di concorso) si deve fare riferimento al DM n. 255 del 22 dicembre 2024, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 dicembre 2024.

FONTE: ORIZZONTE SCUOLA