Piano scuola digitale, i progetti autorizzati dovranno essere realizzati entro il 30 novembre 2022. Nota

Con la nota 50607 del 27 dicembre 2021, il Ministero dell’Istruzione fornisce indicazioni sull’autorizzazione per l’attuazione del progetto “Scuola 4.0: scuole innovative, cablaggio, nuovi ambienti di apprendimento e laboratori” del Pnrr.

I progetti autorizzati dovranno essere realizzati e rendicontati sull’applicativo “PNSD – Gestione Azioni” – Area “Le tue azioni” – Azione “DDI – Regioni Mezzogiorno” con tempestività e comunque entro il 30 novembre 2022.

La data ultima per l’impegno delle risorse tramite assunzione di obbligazioni giuridicamente perfezionate è fissata al 30 giugno 2022, data entro la quale l’istituzione scolastica deve provvedere a inserire nella piattaforma “PNSD – Gestione Azioni”, sezione “Procedure amministrative” la documentazione relativa all’obbligazione giuridica di cui sopra (contratto, ordine di acquisto, etc.) relativa alla voce di costo “Spese per acquisto di beni e attrezzature”. L’inserimento di tale documentazione costituisce a tutti gli effetti avvio del progetto.

Le tipologie di spese ammissibili sono:

a) spese per acquisto di beni e attrezzature per la realizzazione di ambienti di apprendimento per la didattica digitale integrata (rientrano, in tale tipologia, i costi relativi all’acquisto di dispositivi digitali individuali, quali computer e tablet, utilizzabili sia in classe che a distanza, e di dispositivi per la fruizione della didattica digitale integrata in aula quali schermi interattivi touch screen di almeno 65” e relativi accessori, webcam e document camera, cuffie e/o auricolari dotati di microfono, carrelli di ricarica dei dispositivi, eventuali accessori di protezione dei dispositivi);

b) spese per acquisto di beni e attrezzature per la connettività individuale degli studenti e per la connettività delle aule (dispositivi per la connettività mobile, quali router/internet keys con relative schede dati per la connettività ed eventuali apparati necessari per il potenziamento della connettività negli ambienti di apprendimento);

c) spese per l’acquisto di piattaforme e software per la didattica digitale integrata.

FONTE: ORIZZONTE SCUOLA